Questo sito utilizza i cookie per il suo corretto funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'articolo sulla Privacy.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie secondo quanto indicato in tale articolo.

Che tu sia di ritorno dalle vacanze estive, invernali o che tu abbia per altri motivi interrotto la tua routine, ricominciare inizialmente sembra essere una impresa impossibile.

Un po' perchè quello che facciamo solitamente riguarda attività che abitualmente ci annoiano o che ci sentiamo forzati a compiere anche quando non ne abbiamo voglia, un po' perchè si arriva da un periodo che abbiamo vissuto con più tranquillità e con meno stress.

Ma è inevitabile ritornare alla vita di tutti i giorni !!!

Ti voglio raccontare cosa faccio io. Può essere per te uno spunto per prendere coraggio e affrontare in modo sereno il rientro senza tenerti addosso il malumore.

 

1- DATTI DEL TEMPO

Riprendere tutti i tuoi impegni immediatamente può farti sentire sopraffatta. Riprendere molte cose, magari lascite in sospeso, creano in te un senso di pesantezza e magari di "angoscia".

NO, non farlo. Escludendo i tuoi impegni obbligati (lavoro,studio, impegni dei figli...), datti tre settimane per riprendere in mano tutto con calma senza strafare.

Ogni settimana scegli quale o quali abitudini esaminare. Rifletti su quale abitudine riprendere o magari cambiare.

 

2- CAMBIA QUALCOSA NELLA TUA CASA O STANZA

Ogni rientro ci fa sentire come se stessimo tornando alle vecchie e noiose abitudini. 

Cambia qualcosa nella tua casa. Non devi necessariamente comprare qualcosa di nuovo. Basta cambiare la disposizione di alcuni oggetti, o cambiare anche solo le federe dei cuscini, daranno un aspetto alla casa diverso.

Bastano anche minimi cambiamenti per dare una rinfrascata non solo all'ambiente ma anche al vostro umore.

 

3- PRENDITI CURA DI TE

Sicuramente consiglio scontanto, ma non è facile da attuare a volte per mancanza di voglia o tempo.

Passa del tempo con te stessa, a maggior ragione se ti rendi conto di vivere con angoscia il rientro.

Medita, scrivi, parla con qualcuno che ti vuole bene.... impegnati a vivere serenamente le tue giornate.

Ricorda che ci sono nuove abitudini che puoi inserire nella tua vita magari insieme alla tua famiglia, non rattristarti !

 

 

Buon rientro

 

Carlotta

 

Ho avuto modo di conoscere questo sistema durante la ricerca di un metodo che mi permettesse, in modo organizzato, di fare un resoconto degli obiettivi che ho raggiunto e che vorrei raggiungere nella mia vita.

Questo metodo viene figurativamente rappresentato in diagrammi.

Io lo considero come un metodo di crescita personale che permette di autovalutare la propria vita e stabilirne gli obiettivi di crescita.

Il primo passo è trovare del tempo per riflettere sulla propria vita e su cosa vorremmo migliorare.

Armatevi di carta e penna e mettetevi al lavoro.

Non è detto che riusciate subito ad individuare le aree della vostra vita da analizzare, prendetevi del tempo.

Una volta individuate, dovete categorizzarle. Solitamente le categorie sono 10, ma se ne possono fare quante volete. Alcuni esempi di categorie possono essere: lavoro, studio, amicizia, amore….

Una volta fatto questo, vi aspetta un altro momento di riflessione. Dovete dare una valutazione da 1 a 10 alle vostre categorie. Una sorta di punteggio. Siate sinceri con voi stessi! Sentire di avere un livello basso in qualche categoria non vuol dire essere dei falliti. Pensate che invece è un’ottima opportunità per rendersi conto di cosa voler migliorare.

Una volta fatto bisogna “attivarsi” per alzare il livello delle varie categorie. E in che modo ci si attiva?

Bisogna pensare a delle azioni reali da poter fare durante le nostre giornate. Se volete, ad esempio alzare il livello nel campo delle amicizie perché magari vi rendete conto che vedete o sentite poco alcune amiche, potreste decidere di fare l’azione di vederle tutti i mesi o di sentirle una volta a settimana!

Una volta individuate le azioni, scrivetele accanto al vostro diagramma per averle sempre sott’occhio.

Non c’è una regola per il “check”: potete farlo ogni mese come ogni anno. Personalmente io lo faccio ogni tre mesi perché credo siano sufficienti per permettere una valutazione sull’andamento.

Questo vi è utile per capire se le azioni che avete scelto sono efficaci o se vanno cambiate.

 

DECALOGO

- Analizzarvi e capire quali aree prendere in considerazione (10 categorie)

- Dopo aver stilato le categorie, trovare degli obiettivi pratici, concreti. Azioni, rituali da fare per conseguire l’obiettivo.

- Si può scegliere qualsiasi categoria e qualsiasi rappresentazione grafica (pc, a mano)

- Fare un “check” ogni volta che lo riterrete opportuno.

 

Vi lascio alcune immagini (con fonte), per comprendere meglio il metodo e dalla quale trarre ispirazione.

Buona riflessione !

Carlotta

 

Boho Berry 1      

© productive and_pretty      

Boho Berry

© boho berry

mrandmrs2015 tumblr com        

© mrandmrs2015_tumblr_com     

instagram com

© instagram_com

Darya      

© darya

Boho Berry 1

© boho berry